News archive 17/03/2020

FOCUN ON: LA SMADONNINA

I numeri e il racconto della grande sorpresa della stagione

La Lega Cattolica ci ha regalato una Regular Season davvero entusiasmante, e gran parte del merito va sicuramente ai ragazzi de La Smadonnina. I rosanero si sono rivelati una delle sorprese più piacevoli della stagione, inserendosi nella lotta al vertice fra Cambusa 2.0, ed AS Ensio4-1, venendo beffati proprio all'ultima giornata, complice il loro pareggio con Winelivery che ha regalato il primato a Cambusa, e ha relegato Catalano e compagni al secondo posto.

La seconda piazza è comunque valsa la qualificazione nel Trofeo degli Atenei, i rosanero hanno raccolto 19 punti in 8 partite, grazie a 6 vittorie (la più importante sicuramente quella nello scontro diretto con Cambusa per 5-2), un pari (nell'ultimo turno 1-1 con Winelivery), e ad una sconfitta (3-1 contro As Ensio4-1 alla seconda giornata). Il punto di forza de La Smadonnina è stato sicuramente il gruppo: il loro affiatamento e la loro compattezza hanno portato ad un grande equilibrio in campo, che viene ampiamente dimostrato dal numero di gol subiti, ovvero appena 11 in 8 gare, miglior difesa della Lega Cattolica, seconda di tutto il Campionato Universitario, dietro solo a Sleal Madrid, e a pari merito con Arrowsticino, Cizeta e Stella Rotta.

La retroguardia, davanti ad un ottimo portiere come Bogazzi, è formata solitamente dalla coppia Becchi-Perrone, i due difensori compensano ad alcune carenze tecniche, con grande grinta e voglia, mostrando sempre un infinito attaccamento alla maglia. In aiuto in fase difensiva ci sono anche Auletta e Picone, preziosi in diverse situazioni, e capaci di non far rimpiangere i titolari (compito non semplice). Da evidenziare anche l'ottimo centrocampo: Durero unisce quantità e qualità (unico centrocampista ad andare a segno con 3 centri), ed è il cervello della mediana, ma il cuore è sicuramente capitan Capoferro, spesso abile a smontare il gioco avversario e ad innescare la manovra. In più da sottolineare anche il supporto di Marzorati e Della Seta, che hanno risposto sempre presente quando sono stati chiamati in causa.

La fase in cui devono migliorare i ragazzi rosanero è sicuramente quella offensiva: sono infatti poche le 28 reti messe a segno in Prima Divisione, soprattutto se si vanno ad analizzare i numeri, solo quattro i giocatori andati a segno. La parte del leone, la fa sicuramente Tommaso Pallastrelli: il bomber rosanero ha mostrato ottime qualità offensive e tecniche, legate a movimenti, talvolta sgraziati ma spesso efficaci, che gli sono valse 11 reti. Dietro di lui abbiamo il fantasista della squadra, colui che può accendere la gara in un secondo, ovvero Antonio Catalano, autore di 9 gol, diverse direttamente da calcio piazzato. Di Durero abbiamo già parlato, e quindi l'ultimo di cui parlare è Alberto Lucchese, il numero 10 è probabilmente quello più completo: tecnicamente fortissimo, intelligenza calcistica superiore, voglia di sacrificarsi.

La Coppa Onlus è iniziata alla grande: sei punti conquistati nelle prime due del Girone A, contro Psv Endovena e Cam-Mercedes Lecce, i marcatori sono sempre gli stessi (Catalano 3, Pallastrelli 1, Durero 1). Il vero problema però è: basterà ai rosanero la solidità difensiva per trionfare? Oppure dovranno tirare fuori qualcosa in più dalla fase d'attacco? Sono domande che speriamo (davvero), possano avere delle risposte quanto prima.