Archivio news 05/02/2019

TOTM 2° Puntata: AmalgamaTI

Andriollo & co... la vera sopresa di Gennaio

Valerio Tubercolo - 

Nella Lega Bocconi  una squadre su tutte, nell'ultimo periodo, sta giocando sempre meglio, mostrando costantemente trame di gioco convincenti, spirito battagliero un'organizzazione collettiva molto solida: stiamo parlando dell' F.C AMALGAMA, che staziona a metà classifica.
I ragazzi in maglia gialla stanno dimostrando che, se adeguatamente concentrati, possono dire la loro contro chiunque, grazie ad un buon livello qualitativo in mezzo al campo ed una spiccata attitudine al sacrificio e alla lotta.


I NUMERI - L'F.C AMALGAMA si trova in 5° posizione nel campionato di I DIVISIONE, nella Lega Bocconi. Dopo sei partite, infatti, sono 9 i punti raccolti, frutto di tre vittorie e tre sconfitte, in attesa del recupero previsto contro i rivali della Dinamo Bief previsto per il 6/02 presso il Barona Cottage.
In zona offensiva, la squadra sa come comportarsi: tra combinazioni architettate e azioni più semplici, sono 19 i gol segnati, grazie a Culicchi su tutti. Uno degli aspetti da migliorare è, invece, quello difensivo, nonostante le grandi prove di Meroni: 22 gol concessi sono un po' troppi per una squadra che punta ad arrivare in alto.


I PROTAGONISTI - Il giocatore che fa la differenza in zona gol, come anticipato prima, è senza dubbio il bomber Paolo Culicchi che, con 8 reti all'attivo, è il capocannoniere della squadra: fisico, agile, bravo tecnicamente e con un fiuto del gol non indifferente. Le azioni più pericolose, però, nascono dal centrocampo, più precisamente dai piedi vellutati di Stefano Andrea Ferri che, sia con il destro che con il sinistro, riesce sempre a rendersi pericoloso andando in solitaria o servendo i compagni. Con lui in mezzo al campo, spesso agisce Francesco Persia, altro ottimo elemento, dalle spiccate doti tecniche, autore di tante belle giocate e di 4 reti. Le fasce, poi, sono ben coperte da Ludovico Fecia di Cossato e da Riccardo Debrilli, abili in marcatura e nel proporsi costantemente davanti. Il vero leader difensivo è Edward Maroni, che guida i suoi, è sempre attento e difficilmente sbaglia un intervento. Il portiere, Leo Coppola, alterna grandi parate, ad errori evitabili, non garantendo la sicurezza adeguata di cui la squadra avrebbe bisogno. C'è da lavorare, tutti posso migliorare, tutti insieme possono crescere come squadra e togliersi qualche soddisfazione, riuscendo magari a qualificarsi al Trofeo degli Atenei