Archivio news 17/12/2018

CAMPIONI D'INVERNO

Viaggio tra le vincitrici del titolo invernale del Campionato Universitario

Giro di boa del girone d’andata, adesso per le squadre del CUN è tempo di bilanci.

Essere campioni d’inverno potrà non valere molto, specialmente in un campionato in cui tutto si decide nella fase successiva, ma per il momento è a questi traguardi o obiettivi che bisogna aggrapparsi per trovare gli stimoli giusti e pizzicare le corde che possono far cambiare spartito alla squadra.

Essere campioni d’inverno significa, soprattutto, avere le carte in regola per arrivare in fondo, e aver approcciato il campionato con il giusto piglio.

Ma andiamo ad analizzare lega per lega tutte le squadre in vetta:

LEGA BOCCONI:

Il percorso di Roma Capoccia è netto, senza sbavature e senza sconfitte. La vittoria all’ultima giornata ha rispedito a -3 la Dinamo Bief che insidiava il trono, ma in casa Roma vige la regola del non pronunciare mai la chimera “San Siro”, soprattutto non prima di aver messo piede nel girone del Trofeo degli Atenei.

LEGA CATTOLICA:

Con una partita in meno da giocare, è legittimo assegnare il titolo di Campione d’Inverno all’ F.C. Mbaridinazzo, che per il momento condivide il titolo con il sorprendente AS Ensio. L’esito di questo girone però non è così scontato, e resta ancora da aspettare molto prima di cantare vittoria per i granata, che potranno contare però su una rosa ampia e molto qualitativa.

ALTRE LEGHE CUN:

Un girone di ferro, probabilmente quello più qualitativo del Campionato, ma con due squadre davanti a tutti tra sorprese e conferme.

Cambusa tenta la fuga, anche in questo caso a pari punti ma con una partita in meno a lo scontro diretto a favore. L’Alcione ha ribadito, dopo l’esordio amaro, di essere in grado di arrivare con gli uomini contati e dominare le gare senza grossi patemi. Impossibile prevedere se la rincorsa di Partizan su tutte darà i suoi frutti, ma senza dubbio l’attenzione su questo girone resta altissima.

LEGA STATALE:

Wengè conferma le previsioni e anche senza il lungodegente Anelli, sta dominando il girone. Sorpresa alle sue spalle, lo Schalke 0 Fiato tiene il fiato sul collo di Matrone e Co., con Sesto Best che cerca la remuntada. Anche in questo caso è impossibile pensare di stabilire oggi quale sarà la prima della classe a fine gennaio, ma la certezza è che assisteremo ancora a grandi match.

Mettetevi comodi, pop corn alla mano, e Buon CUN a tutti!